Il

Sono passati cento anni da quando è nata Giulietta Masina indimenticabile interprete de “La strada” con la regia del suo compagno di vita Federico Fellini, un film dedicato agli artisti di strada.

Nell’edizione di quest’anno di Mercantia,  che con “il Busker” di Ferrara divide il primato di festival di arte di strada più antico d’Italia essendo entrambi “nati” nel 1988, uno spettacolo dal titolo “Fellinik” ricorderà il maestro in stile amarcord e Giulietta con un trombettista che a fine serata, in forma itinerante, suonerà “ il tema di Gelsomina”.

E’ quindi con sentimento di emozione che ci apprestiamo a presentare l’edizione che segna il  quarto di secolo della nostra storia: certo noi abbiamo lo spessore culturale di eventi della portata di quelli di Certaldo, di Ferrara o di Pennabilli ….. ma l’orgoglio di appartenere alla famiglia dei Festival Internazionali di Arte di Strada.. ebbene  quello sì!

Quando nel 1997 organizzammo la prima edizione volendo sfruttare il connubio tra l’arte di strada e l’inaugurazione dei restauri di una piazza e di un vecchio vicolo della nostra Lessona avevamo, certo, prima di tutto tanti anni in meno, ma anche tanto entusiasmo in un progetto che mirava ad introdurre una nuova proposta nel modo tradizionale di “fare festa” in un paese come il nostro.

Il successo fu immediato: era un proposta nuova, sconosciuta nel biellese con un grande connotato quindi di novità e curiosità da parte del pubblico, che accorse numerosissimo, per gustarsi una passeggiata  attraverso momenti e luoghi di spettacolo comico, musicale e circense.

Sull’onda di quel successo il Comune che finanziava l’evento, demandando poi l’organizzazione a turno alle associazioni locali che già avevano appuntamenti di festa estivi, seppe guardare lontano: erano gli albori della diffusione dell’arte di strada che piano piano stava allargandosi in Italia e anche nella nostra Regione.

Il Piemonte fu una delle prime regioni italiane ad approvare una legge sull’arte di strada e quella legge finanzio’ un premio che nel 2004 premiò il nostro festival.

Quella fu l’edizione della svolta “storica” del festival che negli anni, attraverso un lungo lavoro di programmazione, progettualità culturale e raccolta fondi, ci ha consentito di portare in questi anni a Lessona e nel Biellese il meglio dell’arte di strada internazionale: dalla musica al circo, dal teatro al virtuosismo dei contorsionisti, dalla comicità alla riflessione culturale.

Ratataplan è il secondo festival di strada più “vecchio” del Piemonte e, naturalmente tra gli alti e bassi del successo delle varie edizioni crediamo non abbia mai deluso il suo pubblico che, anzi, crediamo abbia potuto affinare conoscenze e competenze in campo artistico e culturale, anche grazie a noi.

Il programma 2021 è stato allestito, nonostante le difficoltà…come dire… virali di questi tempi… in senso letterale e non mediatico, con la volontà di fare un piccolo “ritratto” del festival anche attraverso la riproposizione di alcune compagnie e di spettacoli che hanno segnato le varie edizioni.

Non potendo evidentemente riproporle tutte ne abbiamo scelte alcune tra le più significative immaginando, magari, perché no, di ampliare anche la stagione del nostro festival nel corso dell’anno non limitandoci quindi al solo periodo estivo per festeggiare il venticinquennio.

Quando si festeggia, di solito, si fanno anche i dovuti ringraziamenti: il primo a tutti i volontari e collaboratori qi questa grande impresa, il secondo al Comune di Lessona che ha sempre creduto in questo festival che ha fatto e fa conoscere Lessona in tutt’Italia, il terzo alla Regione Piemonte ed alle fondazioni bancarie, le Casse Risparmio di Biella e Torino, che ci sostengono da anni, l’ultimo ai direttori artistici che ci hanno aiutato a nascere e crescere: Alessio Michelotti, Fabrizio Gavosto,  Samanta Merlo e Milo Scotton.

Davvero grazie di tutto cuore …. con un inchino finale a tutto il nostro pubblico …. proprio come si usa a teatro , anche se il sipario si deve ancora alzare.

Giuseppe Graziola

Presidente Circolo Lessona.