Il

La 24esima edizione di Ratataplan, consolidando il nostro ruolo di secondo festival più vecchio del Piemonte, ci impone e ci spinge a continuare nello sviluppo del progetto culturale che ci guida e sostiene fin dalla prima edizione.

Alla vigilia del quarto secolo della nostra storia il festival mantiene ancora il cuore del progetto culturale che sta alla base di Ratataplan e che ci ha consentito di portare in questi anni a Lessona, e al di fuori, il meglio dell’arte di strada nazionale e internazionale.

Queste premesse, contenute nel progetto artistico elaborato già all’inizio di quest’anno, sono quelle che ci spingono a voler confermare lo svolgimento della nostra 24esima edizione del festival nonostante le grandi difficoltà create dall’emergenza COVID.

Un’associazione culturale qual è la nostra, a nostro avviso, non può del tutto sottrarsi all’impegno a favore della diffusione e della promozione della cultura, dei suoi eventi e del nostro territorio, anche nei momenti difficili.

Riteniamo infatti di poter dare una, sia pur piccola, mano alla rinascita di una vita sociale, con le inevitabili ricadute economiche, lanciando uno o più segnali di ripresa e, se possibile, magari anche nella realizzazione di nuovi orizzonti ed abitudini culturali e questo diventa ancor più importante non territorio periferico quale quello della nostra provincia.

Ratataplan inoltre vuole contribuire non solo a far ripartire la nostra vita culturale e di aggregazione, ma anche a supportare le attività di incontro, i servizi bar ristorazione, gli esercizi commerciali locali nonché a trasmettere un’immagine di territorio che crede nella cultura come mezzo e strumento importante per la vitalità della nostra provincia.

Il programma 2020 è stato perciò adattato e modificato tenendo conto di questi obiettivi: nella programmazione, nella collocazione in degli orari degli spettacoli, nonché delle linee guida dell’emergenza COVID.

Vi aspettiamo, come sempre e sappiamo che non ci deluderete: soprattutto per questa edizione che precede quella di 25 anni sarà storica quanto questa… Ovviamente, si spera, per altri motivi e, come si dice, soprattutto COVID FREE!